Telefono e Fax
Mobile: 3332368122   Telefono & Fax: 0689026424
Stefano Lanari Ragioniere Commercialista Revisore Contabile  

Società cooperative: il calcolo della mutualità prevalente - Documento congiunto realizzato da CNDCEC e da Alleanza Cooperative italiane

Mercoledì 15/05/2019, a cura di TuttoCamere.it


Con un comunicato stampa del 24 aprile 2019, il Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili (CNDCEC) ha reso noto di aver pubblicato il documento dal titolo "Misurazione della prevalenza nelle società cooperative alla luce del D.Lgs. n. 139/2015", redatto in collaborazione con l'Alleanza delle Cooperative Italiane.

Il documento - dedicato alle conseguenze apportate dal D.Lgs n. 139/2015, di riforma dei criteri di redazione dei bilanci societari - si propone di individuare le peculiarità e le criticità relative al calcolo della prevalenza derivanti, in particolare, dall'eliminazione dell'area straordinaria (c.d. aggregato "E", ove erano imputati "proventi e oneri straordinari"), nonché da altri nuovi criteri di classificazione e/o valutazione, quali, ad esempio, l'applicazione del nuovo criterio del costo ammortizzato.

Come noto, a decorrere dal 1° gennaio 2004, con la "revisionata" formulazione degli articoli 2512, 2513 e 2514, il legislatore ha introdotto nel Codice civile gli elementi per l'individuazione - rispetto all'unico "genere cooperativo" definito dall'articolo 2511 - di due "specie" di società cooperativa:

- le cooperative a mutualità prevalente;
- le cooperative non a mutualità prevalente.

L'acquisizione dello "status" di cooperativa a mutualità prevalente è legata alla compresenza, in capo alla cooperativa, sia del requisito oggettivo (di cui agli articoli. 2512 e 2513 c.c.), sia del requisito statutario (di cui all'articolo 2514 c.c.).

Il cosiddetto "parametro oggettivo" deve avvenire attraverso la misurazione del rapporto (ricavabile dai dati del bilancio d'esercizio) fra lo scambio mutualistico realizzato con i soci ed il complessivo ammontare dello scambio con soci e non soci.

Le indicazioni in tal senso vengono fornite dagli articoli 2512 e 2513 c.c.

Con l'articolo 2512 vengono declinati i principi per il calcolo del requisito "oggettivo" di prevalenza, mentre con l'articolo 2513 vengono fornite indicazioni operative per procedere all'effettiva quantificazione con riferimento ai dati contabili di Bilancio.

A decorrere dall'esercizio 2016, il D.Lgs. 18 agosto 2015, n. 139 (recante "Attuazione della direttiva 2013/34/UE relativa ai bilanci d'esercizio, ai bilanci consolidati e alle relative relazioni di talune tipologie di imprese, recante modifica della direttiva 2006/43/CE e abrogazione delle direttive 78/660/CEE e 83/349/CEE, per la parte relativa alla disciplina del bilancio di esercizio e di quello consolidato per le società di capitali e gli altri soggetti individuati dalla legge"), modificativo dei criteri di redazione dei bilanci societari, ha disposto l'eliminazione dell'aggregato "E", dove, fino al 31 dicembre 2015, dovevano essere allocati i proventi e gli oneri straordinari.

Tale soppressione - si legge nel documento - potrebbe avere impatti sul calcolo della percentuale di prevalenza. Infatti, alcuni componenti reddituali che, nei bilanci antecedenti al 2016, venivano classificati nelle voci "E20" e/o "E21" di Conto Economico, potrebbero, con la nuova impostazione contabile, essere classificati in voci rilevanti ai fini del calcolo della percentuale di prevalenza ("A1" - "B6" - "B7" - "B9"), ovvero, in caso di errori contabili o cambiamento di principi contabili, potrebbero essere rilevati in una voce di Patrimonio Netto (tipicamente, in una specifica riserva ovvero nella voce "utili/perdite portati a nuovo" - cfr. OIC 28).

Il presente documento si propone di individuare le peculiarità e/o le criticità che hanno impatto sul calcolo della prevalenza, derivanti dall'eliminazione dell'area straordinaria, nonché da altri nuovi criteri di classificazione e/o valutazione, quali, ad esempio, l'applicazione del nuovo criterio del costo ammortizzato (cfr. OIC 15 - OIC 19 - OIC 20).

Tra le soluzioni proposte si segnala in primo luogo l'adozione di un principio di pura "derivazione" dallo schema di Conto Economico riformato (in luogo di un criterio di "continuità" rispetto alle modalità di calcolo che venivano seguite antecedentemente alle modifiche).

Inoltre, il documento precisa che deve essere osservata anche la regola della c.d. "omogeneità mutualistica", secondo la quale dovranno in ogni caso essere escluse le voci di componenti non attinenti allo scambio mutualistico.

Tale deroga discende dall'applicazione del principio cardine sancito dal Codice civile per il quale la società cooperativa, a differenza delle società lucrative, persegue lo scopo mutualistico.

Per accedere al sito del CNDCEC e scaricare il testo del documento clicca qui.

Fonte: https://www.tuttocamere.it
Le ultime news
Oggi
Il contribuente, datore di lavoro, può dedurre i contributi previdenziali Inps versati alla collaboratrice...
 
Oggi
Con la risposta all'interpello n. 295 del 22 luglio l'Agenzia delle Entrate ha chiarito che, nel numero...
 
Oggi
Proroga dal 3 agosto 2019 al 30 giugno 2020 del termine entro cui le bande musicali, le ONLUS, le organizzazioni...
 
Ieri
Con il Comunicato Stampa n° 138 del 19 luglio il Ministero dell'Economia e delle Finanze ha comunicato...
 
Ieri
Con la Risoluzione n. 68/E del 19 luglio l'Agenzia delle Entrate ha disposto la soppressione dei codici...
 
Lunedì 22/07
Sul sito dell'Agenzia delle Entrate sono state pubblicate le statistiche catastali 2018, che mostrano...
 
Lunedì 22/07
A margine della Videoconferenza "I Nuovi Isa", organizzata dal Consiglio nazionale dei Commercialisti...
 
Venerdì 19/07
Sul sito del CNCDCEC la notizia che il Consiglio Nazionale ha differito al 1° gennaio 2020 la data in...
 
Venerdì 19/07
L'Agenzia delle Entrate ricorda che c'è tempo fino al 23 luglio per inviare il 730 precompilato. Ancora...
 
Venerdì 19/07
E' partita il 17 luglio scorso la consultazione pubblica per acquisire le osservazioni di operatori economici,...
 
Giovedì 18/07
Con la risposta n. 250 del 16 luglio 2019 l'Agenzia delle Entrate ha chiarito che, in mancanza del requisito...
 
Giovedì 18/07
Con la Risposta n. 248 del 16 luglio 2019 l'Agenzia delle Entrate ha affermato che non sono deducibili...
 
Mercoledì 17/07
I supremi giudici ribadiscono un principio già chiarito ma che, nella prassi, registra tipicamente doglianze...
 
altre notizie »
 

StudioLanari di Stefano Lanari Ragioniere Commercialista
Revisore Contabile

Via Francesco Roncati 4a - 00168 Roma (RM)

Telefono & Fax: 0689026424

Email: info@studiolanari.it

P.IVA: 12366671001